L’equilibrio acido basico

 

 

L’equilibrio acido-basico è indispensabile per il benessere e per la prevenzione: quasi tutte le malattie sono accompagnate da una forte acidità tessutale.

Le cause dell’alterato equilibrio acido basico vanno ricercate nell’accumulo di tossine di varia natura:

  • alimentazione
  • inquinamento
  • abuso di medicinali
  • stress

Le tossine circolano nel corpo attraverso i fluidi organici e impediscono o limitano il naturale processo di depurazione causando un processo infiammatorio e indebolendo il sistema immunitario, esponendo quindi l’organismo all’aggressione di virus e batteri. L’equilibrio acido basico è la condizione indispensabile per mantenersi in salute e prevenire le malattie.

Diagnosi dello stato di acidosi

Durante la consulenza, la diagnosi dello stato di acidosi si compone di 3 step:

  1. Esame visivo: ci fornisce suggerimenti che orientano all’acidosi, dai capelli secchi alle unghie fragili, dalla secchezza della pelle a problemi di eruzione cutanea, sovrappeso, cellulite, dolori muscolari, fragilità dei denti, sono tutti segni di acidità.
  2. Questionario alimentare: permette di avere preziose informazioni sull’alimentazione e lo stile di vita, il consumo o meno di frutta e verdura, di cibi freschi, il consumo di bibite o alcolici.
  3. Analisi: oltre agli esami biologici specifici (colesterolo, glicemia, trigliceridi) e possibile misurare l’acidità attraverso un esame delle urine.

Sai che puoi misurare da solo il grado di acidità?

Procurati striscette reattive per il pH urinario vendute in farmacia.

Immergi una striscetta nell’urina. Ripeti questa misurazione almeno per una settimana e annota il risultato. I valori varieranno in base all’alimentazione.

Le misurazioni devono essere ripetute 5 volte al giorno: prima della colazione (I), un’ora dopo la colazione(II), prima del pranzo(III), un’ora dopo il pranzo(IV), prima di andare a letto(V).

Risultati: pH (IV)-(V) superiori a 7=normalità

       pH (II)-(IV)-(V) inferiori a 7 = acidosi

Come si misura il pH.

Con l’espressione equilibrio acido basico, in biologia, si indica l’insieme dei processi fisiologici che l’organismo mette in atto per mantenere  un livello di acidità adeguato allo  svolgimento delle principali funzioni metaboliche. Grazie a questi processi, il pH del sangue è normalmente mantenuto su valori compresi tra 7,35 e 7,45. Per misurare quanto una sostanza è acida o alcalina si usa una scala di valori a cui viene dato il nome di “pH”. Più basso è il pH e più è acida la sostanza.

ACIDI pH 0-7,06
NEUTRI pH Uguale a 7,07
ALCALINI pH 7,08- 14,14

TABELLA CIBI ACIDI E ALCALINI

ACIDIFICANTI ALCALINIZZANTI
Carne

Insaccati

Latte

Formaggio

Pane

Cioccolata

Vegetali surgelati

Funghi

Arachidi, noci, pistacchi, noccioline

Frutta acida con carboidrati (torta con fragole)

Frutta: Mango

Verdura cotta: Spinaci,indivia, melanzane,
rape rosse, pomodori

Cereali: mais, avena, grano, farro, orzo, riso

Legumi: fagioli bianchi,fagioli cannellini , fave, ceci

Uova

Pesci: sardine, tonno in scatola, crostacei

Bibite alcoliche

Zucchero bianco

Gelato

Biscotti

Aceto

Margarina

Caffè

Birra

Vino

The nero

Acqua gassata

Verdura cruda

Frutta fresca

Miele

Yogurt magro fresco

Mandorle

Avocado

Noci brasiliane

Legumi: lenticchie, tofu

Cereali: miglio, quinoa, amaranto

Oli: olio extravergine di oliva, olio di sesamo, olio di borragine

Aceto di mele

Burro

The verde

Latte di mandorla

Latte di soia

Acqua con spremuta di limone

Lime

Acqua ionizzata

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone