Psoriasi: cura convenzionale e cure naturali

La psoriasi è un’infiammazione della pelle cronica, recidivante, eritemato-desquamativa non contagiosa, è di natura immunologica, cioè prevede il coinvolgimento delle cellule di Langherans e dei linfociti T che producono citochine infiammatorie. Si verifica una riproduzione delle cellule dell’epidermide accelerata, e il ricambio cellulare avviene ogni 4 giorni al posto dei normali 28.

Come si riconosce

l sintomo principale della malattia è una manifestazione caratterizzata da secchezza della cute accompagnata da placche, arrossate e in rilievo, con squame di colore argenteo che si staccano facilmente, oppure fessurate o pustolose. Spesso, ma non sempre, la lesione di psoriasi è associata a prurito.

Dove si manifesta

Le zone d’elezione della patologia sono le estremità, gli arti,gomiti e ginocchia, il cuoio capelluto, piedi, la schiena, i genitali, le unghie e le mucose.

Le cause

I fattori che causano la psoriasi sono molteplici, ed è per questo che è una malattia complessa da trattare:

Familiarità: la psoriasi è a predisposizione genetica familiare. I figli di genitori con psoriasi hanno un rischio maggiore di sviluppare la malattia

Fattori psicologici psicogeni ed emotivi: lutti, incidenti, paura dell’abbandono, traumi emotivi forti

Fattori fisici: ferite, traumi, lesioni, faringite streptococcica specie nei bambini, infezioni, candida albicans

Farmacologici: uso prolungato di fans e salicilati, betabloccanti, litio, antimalarici, cambiamenti ormonali (gravidanza, menopausa, pubertà), cambiamenti metabolici, antibiotici.

Stile di vita: fumo, alcool, obesità, stress, alimentazione scorretta, dieta iperproteica  Le persone con elevato indice di Massa Corporea hanno un maggior rischio di sviluppare la psoriasi.

Quali terapie convenzionali?

La medicina convenzionale utilizza diversi approcci terapeutici per combattere la psoriasi

A livello topico: Oltre a generiche sostanze emollienti, si utilizzano salicilati ed altri cheratolitici (sostanze che ammorbidiscono lo strato corneo della pelle), catrami (aiutano a diminuire il numero di cellule dell’epidermide e riducono prurito e irritazione); cortisonici (non per uso pediatrico); vitamina D3 e suoi derivati; retinoidi (derivati della vitamina A).

Trattamento sistemico: quando l’applicazione esterna non è sufficiente si passa a terapie sistemiche con ciclosporina, nethotrexate, acitretina, derivati della vit. A (acido retinoico – utilizzato per la psoriasi pustolosa e in quella eritrodermica). Un’altra strategia molto utilizzata è quella della fototerapia UVB a banda stretta e PUVA, tecnica curativa basata sull’uso della luce.

La scelta della terapia è individuale e dipende dalla gravità della malattia e dalla frequenza delle recidive, ma si valuta anche la risposta del paziente alle terapie precedenti e la risposta del paziente alle cura in corso.

Terapia omeopatica della psoriasi

La scelta del rimedio omeopatico dipende non solo dalla manifestazione della psoriasi ma anche dalla condizione psichica dell’individuo. Vediamo i principali.

  • Arsenicum Album 9CH: la psoriasi si presenta secca con desquamazioni bianca accompagnata da prurito e bruciore. La pelle è inspessita. I sintomi migliorano con l’esposizione al sole e peggiorano nella stagione fredda. A livello psicologico l’individuo è sfiduciato, non crede nella guarigione, è malinconico e depresso, vive un senso di disperazione.
  • Arsenicum Iodatum 9CH: anche in questo caso la pelle è secca con desquamazioni giallastre accompagnata da prurito, le lesioni però presentano essudati (liquidi che fuoriescono dal tessuto). A livello psicologico il soggetto è debole, stanco, è soggetto a l dimagrimento.
  • Nastrum Sulfuricum 15 CH: La psoriasi presenta squame larghe e sottili, peggiora con l’umidità. Viene prescritto anche in caso di psoriasi pustolosa con eruzioni .
  • Sepia 9CH: prescritto per le psoriasi severe. Si presenta con eruzioni squamose simili a ragadi rotondeggianti e sanguinanti, non dolenti. La cute è inspessita ed escoriata. Le lesioni si concentrano soprattutto su viso, pieghe dei gomiti, ginocchia e unghie.Il soggetto è depresso, facile al pianto, triste, mostra indifferenza e apatia.
  • Sulphur: Questo rimedio omeopatico è utile quando la psoriasi provoca un forte prurito e una sensazione di bruciore, non si sopporta il contatto con i tessuti (specie la lana) . Si prescrive per le forme croniche e molto ostinate
  • Kali Arsenicum 5 CH : si prescrive per psoriasi di lunga data localizzata sugli arti e sul collo. Le lesioni sono a scaglie e pruriginose. Il soggetto è freddoloso e astenico.
  • Petroleum 15 CH: Le lesioni formano una crosta giallognola, la pelle è secca, screpolata e può avere delle ragadi. Si manifesta su genitali, dita, testa. Si manifesta in seguito a forti stress psicologici, sofferenze emotive e si associa a disturbi dell’apparato digerente.
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone