Olio di Argan: proprietà e usi

In occasione del mio ultimo viaggio in Marocco, non mi sono fatta mancare una visita a dei luoghi magici, dove si produce, come da antichissima tradizione marocchina, un olio pregiato per le sue eccezionali proprietà: l’olio di Argan.

Parlare dell’olio di Argan equivale a parlare del Marocco, perchè le loro storie sono strettamente legate da un legame antichissimo.

Marocco agosto 2018

 Olio di Argan: cosa è ?

L’olio di Argan è un olio che si estrae dai semi di una pianta, l’Argania Spinosa, una pianta endemica del sud del Marocco. Oggi la coltivazione di questa pianta, dato la notevole richiesta dell’industria cosmetica ed alimentare, è notevolmente intensificata rispetto al passato, quando il suo ususo era ristretto al solo continente nord africano. Attualmente sono oltre 800000 gli  ettari coltivati ad Argania  specie nel sud del Marocco, una produzione che con l’indotto  che incide notevolmente nell’economia del paese.

La tradizione vuole che siano stati i Berberi i primi a scoprirne le sue proprietà e a farne uso non solo a scopo alimentare ma anche per la cura del corpo. Il legno inoltre veniva utilizzato per le costruzioni.

La pianta viene considerata sacra e pura, è in grado di vivere per oltre 250 anni anche in condizioni di vita durissime, con temperature che in alcuni territori arrivano anche a 50°. Le sue solide radici, penetrano in fondo nel terreno, costituendo una solida barriera contro l’erosione e la desertificazione. Il suolo rimane così compatto e fertile, ed è questa la ragione per cui alcuni paesi come Israele stanno da anni cercando di coltivare l’Argania per preservare il terreno e impedirne la desertificazione.

Dal nocciolo, macinato artigianalmente con una apposita macina manuale, si ottiene dopo un laborioso processo un olio di bassissima resa, servono infatti 100kg di semi per ricavare 1 litro d’olio!

Nel 1998 l’UNESCO ha definito la pianta dell’Argania Spinosa “patrimonio dell’umanità” riconoscendone l’importante valore intrisicamente legato a questo meraviglioso paese e alla sua popolazione berbera. Nel 2001 in Marocco si tenne il primo festival interamente dedicato all’olio di Argan, durante il quale vennero inoltre prese importanti decisioni a salvaguardia delle tradizioni popolari berbere e della tutela del patrimonio naturale.

 

Pubblicato da Alessandra Scalas su Lunedì 16 luglio 2018

La magia dell’Argan

Durante la mia visita in Marocco ho conosciuto Fathia, una donna che produce l’olio di Argan a partire dai suoi semi, secondo il tradizionale metodo a macina. Ci vuole davvero molta pazienza per vederlo scivolare via nel catino in terracotta. Si prende una piccola manciata di semi e lentamente si inseriscono nel foro, continuando sempre a girare. Mi sono cimentata anche io, sotto lo sguardo vigile di Fathia, che spesso mi rimproverava per aver versato troppi semi. Lentezza! Il lavoro richiede tempi lunghi, fatti di ritmo e costanza. Il profumo è intenso, diverso da qualsiasi altro olio. Non si butta via nulla. Infatti oltre l’olio, con l’impasto ricavato dagli scarti della macina, si producono saponi, scrub, maschere. Le macine sono appoggiate a terra, si lavora sedute su tapetti, nel mentre si chicchiera con le altre donne e si sorseggia ogni tanto un bicchiere di the nero alla menta fresca, un must in questa terra. Ed ecco la magia dell’olio, un fluido denso, color oro, intenso nel colore quanto nell’aroma che infonde nell’aria. E’ ora che si respira l’aria del Marocco: in questo olio c’è l’essenza del Marocco, il suo sole, la sua terra rossa, la storia e la tradizione berbera, la costanza e la forza delle sue donne velate.

L’Argan in cucina

Quando compri l’Argan, specie in Marocco, devi far attenzione al tipo di Argan che acquisti, Infatti c’è una bella differenza tra l’Argan ad uso cosmetico, e quello ad uso alimentare. Apparentemente sono uguali, anche se osservandoli attentamente quello alimentare risulta leggermente più scuro. Il profumo è più intenso in quello alimentare, infatti è ricavato dai semi tostati, e sà di nocciola.

I Berberi utilizzano l’olio di Argan nella loro dieta, e viene spesso servito con il pane fatto in casa. Un dolce tipico marocchino è il Amlou, una sorta di nutella all’argan, con mandorle e miele. Questo dolce, delizia per veri intenditori, è un’autentica fonte di energia, e secondo alcuni, avrebbe un potere afrodisiaco.

Nella cucina domestica, questo olio, ricco di vitamine, dal sapore che ricorda la nocciola, viene utilizzato per insaporire piatti a base di carne e pesce, che vengono serviti con deliziosi sughi a base di verdure e spezie.

Assieme al the nero aromatizzato alla menta fresca in ainfusione, l’olio di Argan viene offerto con il pane agli ospiti per il benvenuto.

Proprietà alimentari

Contenendo più dell’ 80% di acidi grassi, l’olio di Argan tostato, ha un’azione benefica per i disturbi reumatici e cardiovascolari. Inoltre  stimola  l’ossigenazione cellulare, migliora le capacità cerebrali ed agisce positivamente sul fegato e sulla digestione.

L’Olio di Argan in cosmesi: proprietà e usi

L’olio cosmetico appare più chiaro rispetto a quello alimentare. Color oro, praticamente privo di profumazione, quest’olio è ricchissimo di Vit. E, ha proprietà antiossidanti, antiage, idratanti, ringiovanenti, lenitive.

L’olio di Argan possiede in particolare  vitamina E, vitamina A, fitosteroli, polifenoli ed omega3-6.

Viene usato per la cura della pelle, specie quella sensibile, essendo un olio anallergico e delicato, è indicato anche per la pelle dei bambini. Ottimo per idratare la pelle, non unge e si assorbe molto facilmente, lasciando la pelle morbida. Grazie alle sue proprietà antiage è indicato per le pelli mature, per le rughe di viso e décolleté. Le pelli secche o  soggette a couperose o psoriasi, traggono grande giovamento dall’uso regolare di olio di argan. Applicato sulla pelle acneica, contrasta la comparsa di segni indelebili grazie alle sue proprietà cicatrizzanti.

Può essere applicato puro sulla pelle perfettamente pulita, dopo lo scrub, bastano poche gocce da massaggiare sul viso con movimenti circolari fino a completo assobimento. Oppure, puoi aggiungere alcune gocce alla tua crema giorno o notte.

L’olio di Argan trova impiego anche nella cura dei capelli, grazie alla quantità di Omega 3, è indicato per l’idratazione dei capelli spenti e sciupatti. Utile per combattere l’effetto crescpo, l’olio di Argan nutre in profondità la fibra del capello, mantendenoli morbidi e lucenti. Non unge e non appesantisce il capello se applicato nelle giuste quantità, ne basta infatti pochissimo, da applicare specie sulle lunghezze e sulle punte. Protegge dai danni del phon e piastra, dall’inquinamento atmosferico, ed è adatto particolamente per i capelli secchi e opachi, o che tendono a sfibrarsi.

L’olio di argan puoi applicarlo sia su capelli asciutti che bagnati. Se usato su capelli asciutti, penetra più in profondità, e può risultare oleoso specie e usato in grandi quantità. Puoi usarlo come impacco al posto del balsamo, senza risciacquo, oppure puoi usarne pocche gocce sulle punte e lunghezze dopo il normale lavaggio.

La tua Spa in casa

Basta poco per creare in casa tua un angolo di benessere in cui prendersi cura di sè a 360 gradi. La Spa è ogni luogo ti faccia sentire amata. Curare il proprio corpo infatti vuol dire, come dico sempre, guarire la propria anima. Il tocco, i profumi, rendono ogni routine di bellezza un vero atto magico di guarigione. La natura ci viene incontro, offrendoci preziosi doni che possiamo utilizzare per la la nostra salute e bellezza.  Uno di questi è senza dubbio l’Olio di Argan.

Provalo anche tu, e raccontami la tua esperienza!

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone