Malattie invernali dei bambini: come prevenirle con la gemmoterapia

D’inverno si sà, ci si ammala con più facilità. Prevenire le malattie invernali è certamente possibile, adottando uno stile di vita sano per il nostro bambino a partire dalla cura dell’alimentazione, e con i giusti integratori fitoterapici, è possibile rafforzare la sua risposta immunitaria.

Le piante, infatti, oltre a svolgere un’attività sintomatica ( azione antisettica, antiflogistica, ect) svolgono un’altra azione importante, un’azione di terreno, infatti non agiscono solo sul singolo organo o apparato ma su tutto l’organismo stimolandone le capacità reattive. Nei bambini questo è di grande efficacia: in particolare, vedremo un graduale ripristino della reattività del bambino, spesso troppo soffocata da terapie farmacologiche aggressive.

Vediamo quali piante scegliere per rinforzare le diffese immunitarie del bambino e prevenire i malanni invernali.

Meglio prevenire

Sarebbe buona norma prima dell’ingresso a scuola, preparare il bambino con un trattamento preventivo per affrontare l’inverno serenamente senza imbattersi in malanni stagionali. In base alla reattività del bambino e alla sua storia clinica, il trattamento preventivo iniziato a settembre si potrà protrarre sino a tutto l’inverno.

E’ bene dire però che un approccio naturopatico alla prevenzione riguarderà la salute del bambino in senso olistico: non basta quindi sapere quali integratori somministrare al bambino, ma adoperarsi  affinchè tutta la sua vita sia equilibrata e sana. A partire dall’alimentazione che dovrà favorire un incremento di frutta e verdura per aumentare l’apporto di vitamine del gruppo B e C ( globuli bianchi attivati dalla vitamina C aiutano l’organismo a rispondere meglio alle infiammazioni). Sarà inotre importante far fare attività fisica all’aperto, lunghe passegiate al parco o al mare , lontano dal traffico di città. Dedicare il giusto tempo al riposo e al gioco.

Gemmoterapia e prevenzione

I gemmoderivati, grazie alla ricchezza di principi attivi presenti nel tessuto embrionale delle piante, sono particolamente efficaci nei bambini come negli adulti.

Tra i gemmoderivati indicati nella prevenzion, ne segnalo 4 straordinari: Abies pectinata, Rosa canina, Ribes nigrum, Betula pubescens. Tutti e quattro, con le dovute differenze, sono da stimolo a livello del sistema immunitario del bambino.

Abies pectinata

 

Questo gemmoderivato è indicato per un’azione di sostegno a carico delle viee aeree superiori e per un’azione trofica a livello dell’apparato scheletrico. Ottimo quindi per i bambini il cui organismo è in rapida fase di accrescimento e per i bambini che manifestano malattie a carico dei bronchi, tracheiti, laringiti.

Posologia: Abies pectinata M.G. 1DH: 20-40 gocce, diluite in un bicchiere d’acqua, 2 volte al giorno, mattina e pomeriggio, per 20 giorni al mese, per almeno 3 mesi.

Rosa canina

 

La Rosa canina gemmoderivato, ha un’attività antiflogistica  nel trattamento di rinofaringiti, otiti, tonsilliti, accompagnate da debolezza delle difese immunitarie. Inoltre, essendo la Rosa canina molto ricca di vit.C, questo gemmoderivato è in grado di proteggere la membrana cellulare dai fenomeni di ossidazione, potenziando quindi la risposta immunitaria dell’organismo e aiutando la ripresa in caso di malattia. La Rosa canina ha un‘azione tonica, in casi di stanchezza e affaticabilità,  depurativa ed immunomodulante, ottima in fase preventiva e nei primi sintomi di raffreddore, tosse, influenza, così come in fase di guarigione per evitare ricadue e accelelrare  il completo ripristino dello stato di salute.

Posologia: Rosa canina M.G 1DH: 20-40 gocce diluite in un bicchiere d’acqua, 2 volte al giorno, mattina e pomeriggio, per 20 giorni al mese, per almeno 3 mesi.

Ribes nigrum

 

Le gemme del Ribes nigrum presentano una eccezionale concentrazione di flavonoidi, glicosidi e antociani responsabili dell’attività antinfiammatoria. E’ inoltre ricco di vit.C (107 mg /g di gemme fresche) e amminoacidi. Definito come il “cortisone naturale”, il Ribes nigrum è utile nelle ostruzioni infiammatorie delle prime vie aeree, raffeddori e bronchiti, febbre e influenza. Inoltre il Ribes nigrum si comporta come antistaminico naturale, capace quindi di bloccare l’azione dell’istamina modulando le reazioni allergiche, utile quindi per le allergie stagionali, orticaria e dermatiti. Stimolando il cortisolo, il ribes nigrum è utile per ridurre i dolori muscolari e da affaticamento. 

Posologia: Ribes nigrum  M.G. 1DH: 20-40 gocce, diluite in un bicchiere d’acqua, 2 volte al giorno, mattina e pomeriggio, per 20 giorni al mese, per almeno 3 mesi.

Betula pubescens e Betula Verrucosa

Betula pubescens stimola il SRE(Sistema Reticolo Endoteriale): aumenta il numero dei leucociti e la resistenza all’infezione. Henry, lo considerava il rimedio d’eccellenza nel caso di flogosi cronica. Ha una funzione depurativa per l’organismo, ottimo per il drenaggio dei liquidi corporei e per la funzionalità delle vie urinarie. La tradizione insegna  che la betula sia utile  nei casi di infiammazioni, in particolar modo alle vie urinarie, come astringente e diuretico e come tonico nei casi di stanchezza.

Betula verrucosa, oltre che stimolare SRE, esercita un’azione osteoblastica (formazione tessuto osseo) e tonificante. Agisce sul sistema linfatico, considerato il baluardo di difesa del nostro organismo, drenando  gli accumuli dei liquidi nei tessuti e portando un‘azione disintossicante (fegato,reni,polmoni,pelle). Contiene due eterosidi, che per via enzimatica liberano salicilato di metile ad azione analgesica, antiinfiammatoria.

Posologia: Betula pubescens/verrucosa M.G. 1DH: 20-40 gocce, diluite in un bicchiere d’acqua, 2 volte al giorno, mattina e pomeriggio, per 20 giorni al mese, per almeno 3 mesi.

Posologia  gemmoderivati

GEMMODERIVATI: se la dose per l’adulto è di 50 gocce una o iù volte al giorno, in età pediatrica sarà di 25/30 gocce.

 

Avvertenza: In tutti i casi non si inizia la terapia con i gemmoderivati prima dei 2 anni per la presenza di alcool e glicerina.

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone