I Fiori di Bach per un sereno rientro a scuola

-3,-2,-1… ci siamo, suona la campanella, e tutti i bambini rientrano nelle loro classi per un nuovo anno scolastico! Un giorno importante per loro, si ritrovano i compagni dopo la lunga pausa estiva, si conoscono nuovi insegnanti e si rincontrano i vecchi, nuove sfide gli aspettano e tante nuove conoscenze. Eppure questo momento può generare in loro paure, ansia, preoccupazioni. Nella pausa estiva hanno sperimentato la libertà, lunghi momenti a stretto contatto con mamma e papà, il gioco, ora, dovranno abituarsi agli orari, ad alzarsi presto la mattina, alle regole della scuola, al distacco dalla famiglia,  ai compiti assegnati. Non è sempre facile. I disagi e le difficoltà a cui devono far fronte i bambini dipendono dall’età, dal carattere, dalle esperienze di socializzazione, dalle attitudini personale e interpersonali di ciascun bambino.

I Fiori di Bach, possono fornire un valido aiuto in questo delicato momento, sostendoli, rassicurandoli, e aiutandoli ad affrontare meglio questo delicato momento dell’anno.

Scopriamo quali sono.

I Fiori di Bach per chi inizia la scuola

I bambini che iniziano la scuola o quelli che passano dalla scuola dell’infanzia alle elementari , si trovano a dover affrontare un grande cambiamento. Questo può generare ansie e paure che possono essere affrontate con i Fiori di Bach. Senz’altro è importante il dialogo, parlare con i propri figli, farsi vedere entusiasti del nuovo percorso che inevitabilmente vi coinvolgerà, è fondamentale per rassicurarli e farli sentire più forti in questo momento.

Per affrontare meglio il cambiamento, favorendo la serenità di fronte alle novità, è utile Walnut, il fiore del cambiamento. Questo fiore favorirà l’adattabilità al cambiamento, l’accoglienza serena di una nuova fase della vita.

Red Chestnut lo consiglio sia ai bambini che ai genitori, per affrontare l’inizio dell’anno senza paure e ansie. E’ infatti importante che non solo il bambino ma anche i genitori assumano il fiore affinchè non siano proprio questi ultimi a trasmettere, anche solo inconsciamnte, paure e ansie al bambino. E’ un percorso di consapevolezza che rafforza entrambi, e per questo va fatto insieme. 

Vincere la paura con i fiori

L’inizio della scuola fa paura? Si teme il confronto con una nuova realtà? Come saranno i nuovi compagni di classe? E le insegnanti? Ebbene le paure legate a questo momento possono essere veramente tante.

Aspen e Mimulus sono i fiori che affrontano la paura, ma in modo diverso. Per questo è importante prima, cercare di capire cosa si teme realmente. Aspen è legato alle paure non ben deffinite, che non sono legate ad un aspetto in particolare ( i compagni, l’ambiente, la scuola, le insegnanti, ect), sono paure generiche, quasi irrazionali. Mimulus è invece il fiore legato a paure precise, che possono essere riferite e descritte : “cosa ti fa paura? Ho paura della scuola, delle interrogazioni, del giudizio altrui, dei nuovi compagni, di lasciare la mamma”.

I Fiori per i bambini insicuri e timidi

A volte le paure maggiori dipendono proprio dal carattere del bambino. E’ a causa della loro insicurezza, della mancanza di fiducia in se stessi, in un’autostima ancora non del tutto appresa, che le difficoltà di ambientamento e socializzazione si manifestano maggiormente.

Century è il fiore adatto ai bambini fragili e sottomessi, il bambino che può essere bullizzato, preso in giro. Questo fiore rafforza l’autostima, sostiene il carattere trasmettendo maggiore sicurezza e solidità.

Larch è il fiore adatto al bambino che si sente insicuro e inadeguato. Lo aiuta a rafforzare l’autostima, a credere più nelle proprie qualità e risorse da cui attingere per affrontare la nuova situazione con coraggio.

Cerato, è invece il fiore adatto ai bambini insicuri che sentono il bisogno di “appoggiarsi” sempre agli altri, i bambini che chiedono continuamente consigli, non fidandosi di se stessi, hanno bisogno dell’aiuto degli altri.

I Fiori per la socializzazione

La scuola non è solo il luogo dove si impara qualcosa, è prima di tutto, il luogo della socializzazione. Per questo credo sia importante che i bambini siano inseriti nel contesto scolastico sin dalle materne, e perchè no, almeno dai 2 anni al nido. Non è solo per venir incontro alle esigenze lavorative delle madri e dei padri, ma è per stimolare il bambino a confrontarsi con altri bambini, giocare e sperimentare la comunicazione e l’interelazione con altri bambini.

Water Violet aiuta il bambino che si isola, tente ad allontanarsi dal gruppo, non riesce a relazionarsi con gli altri.

Vine, è il fiore opposto, adatto ai bambini rissosi, attaccabrighe, che tendono a scontrarsi con gli altri bambini.

Vervain e Impatiens sono i fiori per i bambini iperattivi, che non si fermano mai, vivaci e a volte incontenibili.

Holly e Heather , sono i fiori adatti ai bambini che tendono ad essere egocentrici, cresciuti con mille attenzioni da parte della famiglia, vogliono essere al centro dell’attenzione, sono gelosi, ricercano le attenzioni dalla maestra e dei compagni, hanno difficoltà a stabilire relazioni equilibrate.

Scuole medie: maggiori responsabilità

Se il passaggio dalla Scuola dell’Infanzia alle Medie è impegnativo, non è certo da meno il massaggio alle medie. Sono grandi ormai, che vuoi che sia?! Eppure, quante lacrime per quei bambini quasi ragazzi che lasciano le maestre dei cinque anni dell’infanzia, parte dei loro compagni, per cambiare scuola, classe e insegnanti. Anche in questo caso, i rimedi della paura e del cambiamento sono sempre consigliatissimi. Ma aggiungo un altro fiore importante : Chestnut Bad. E’ un fiore che aiuta la concentrazione, stimola il senso di responsabilità e l’impegno in ciò che si sta facendo. 

Come assumere i Fiori di Bach

I fiori di Bach si assumono in questo modo: 4 gocce sotto la lingua o in un bicchiere d’acqua, 4 volte al giorno possibilmente sempre negli stessi orari, per almeno 1 mese. Naturalmente una volta scelto il rimedio floreale che meglio si adatta alla situazione del vostro bambino, è importante essere costanti nell’assunzione per poter avere i risultati sperati. Non interrompere prima di un mese, se necessario, continuare per altri due mesi. Se invece lo riteniamo opportuno, si può iniziare anche una settimana prima della scuola, per preparalo al meglio al cambiamento. I fiori di Bach non hanno controindicazioni, possono essere assunti anche dai bambini piccoli. Prima dei 3 anni, consiglio l’assunzione non orale ma mediante la pelle, ossia, sempre 4 gocce ma questa volta nei polsi o nella nucca.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone