Fangoterapia: cura e benefici

Hai mai provato i fanghi? Se non lo hai ancora fatto, regalati un trattamento o un pacchetto di applicazioni al fango, ideale per i suoi molteplici benefici per l’intero organismo.

Ma vediamo di cosa si tratta.

La fangoterapia è una terapia naturale termale che utilizza il fango, una mescolanza di una componente solida essenzialmente inorganica (argilla), sali minerali ed oligoelementi,  e una componente liquida (acqua termale). Il fango viene tenuto a macerazione in apposite vasche fangaie per circa un anno prima di essere utilizzato, è tenuto in continuo contatto con l’acqua termale ed una costante esposizione alla luce solare. Quresto processo porta a “maturazione ” il fango rendendolo disponibile per le applicazioni.

Quali benefici

La fangoterapia porta ad  un innalzamento delle betaendorfine che stimolano  il sistema immunitario ed il sistema endocrino e forniscono un valido contributo nella prevenzione e cura dei fenomeni di degenerazione cellulare e di invecchiamento dell’organismo.

Il fango è particolarmente utile per curare le malattie reumatiche e artritiche, di cui risolve velocemente i sintomi e permette un recupero migliore; inoltre stimola la produzione di sostanze ormonali che svolgono un’azione curativa locale su fratture, lussazioni, reumatismi nonchè artrosi iniziale o a stadi più avanzati.

Ha proprietà detossinanti e decongestionanti, utile in caso di fibromisiti, fibrositi, fibromialgia, fibrosi di origine reumatica, tendiniti di origine reumatica, lombalgie, lombalgie di origine reumatica, mialgie e miositi.

Fangoterapia e cellulite

In caso di cellulite e ritenzione idrica, la fangoterapia è senz’altro più efficace di tante creme anticellulite che promettono di eliminare l’antiestetico problema.

In caso di cellulite il fango da preferire è quello salino, ideale il Fango del Mar Morto, ricchissimo di sali minerali e microalghe. Oltre all’effetto antinfiammatorio, stimola il microcircolo venoso e linfatico, favorendo l’eliminazione dei liquidi in eccesso e riducendo i depositi adiposi.

Come si svolge il trattamento

Il fango viene applicato caldo, ad una temperatura di 40° , con un pennello a fibre naturali morbide che favoriscono una applicazione omogenea. Può essere applicato su tutto il corpo, specie nelle gambe, fianchi, pancia, braccia.

Il corpo sarà poi avvolto da una pellicola e coperto da una coperta.

Il tempo di posa è di circa 20′. Un momento di totale relax, in cui sentiremo un leggero pizzicore, indice dell’azione del fango a livello circolatorio.

Trascorso questo tempo, si procede con l’immersione nella vasca termale oppure con la doccia alternata calda/ fredda per rimuovere completamente il fango.

Segue il massaggio linfodrenante che aiuterà a smaltire i liquidi e promuovere il processo di detossinazione dell’organismo e tonificazione dei tessuti.

 

 

Fango del Mar Morto

Il fango naturale, estratto dal Mar Morto, lago salato situato tra Giordania ed Israele situato nel  punto più basso della Terra a ben 394 metri sotto il livello marino, è un prodotto dalle eccezionali medicali e cosmetiche. Le alte temperature dell’area di estrazione, a seguito dell’evaporazione dell’acqua, lasciano nel terreno un’elevata concentrazione di sali minerali ed oligoelementi di cui il Mar Morto è particolarmente ricco.

La presenza di fonti termali vulcaniche arricchisce la composizione organolettica e chimica dell’acqua del Mar Morto , che contiene  quasi tutti gli elementi presenti in natura (ben 37 oligoelementi ) e la rende diversa da tutti gli altri mari, rendendola più ricca di magnesio e potassio piuttosto che di sodio.

 

Proprietà del Fango del Mar Morto

Se intendi fare un trattamento al fango del Mar Morto, assicurati che sia un fango totalmente naturale, senza l’aggiunta di creme. Il colore verde scuro e il suo odore di mare  è caratteristico, qualsiasi profumazione innaturale altererebbe la struttura chimico-fisica del fango. Il fango, grazie all’altissima concentrazione di sali minerali e oligoelementi, bromo, sodio, magnesio, potassio e calcio , è un rimedio portentoso per la cura di numerose patologie e pel la bellezza e il benessere del corpo.

Vediamo le principali indicazioni.

  • Cellulite
  • Azione detossinante e depurativa
  • Elasticità e tonicità della pelle
  • Inenstetismi cutanei quali acne, psoriasi, dermatiti
  • Rinnavamente cellulare antiaging
  • Ossigenazione dei tessuti
  • Decongestionante e antinfiammatorio
  • Azione antidolorifica a livello articolare e muscolare
  • Stimolo del microcircolo linfatico e sanguigno

L’azione del Fango del Mar Morto si esplica attraverso due meccanismi :

1. TERMICA: l’azione del calore provoca la dilatazione dei pori della pelle permettendo un maggiore assorbimento delle sostanze benefiche del fango.

2. OSMOSI INVERSA: consente non solo l’assorbimento delle sostanze nutritive ma al contempo permette il rilacio nel fango dei liquidi e delle sostanze di scarto metabolico.

L’azione termica e l’azione di osmosi inversa, combinate, permettono di intervenire ttivamente nelle problematiche legate alla ritenzione idrica, alla cellulite, alle problematiche a livello muscolare ed osteoarticolare.

Io ho scelto il fango Yemaya, un fango del Mar Morto  100% naturale , piacevole da usare, si spalma facilmente una volta riscandato e fatto rinvenire aggiungendo poca acqua minerale.

I risultati riscontrati già dai primi trattamenti , ne provano l’efficacia. I principi attivi presenti, uniti all’azione termodinamica, che riscalda la pelle riattivando i tessuti e favorendo  la riduzione dei cuscinetti adiposi. Dopo l’applicazione del fango del Mar Morto Yemaya, la pelle appare liscia, tonica, le gambe si sgonfiano e si avverte una sensazione di leggerezza e benessere immediato. I cuscinetti adiposi appaiono come livellati.

Se ancora sei indecisa, non hai che provare subito sperimentando su te stessa i risultati che si possono ragiungere già dopo i primi trattamenti!

 

 

 

 

 

 

 

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone