Adhd: l’approccio naturopatico

L’adhd o sindrome da deficit di attenzione ed iperattività, è una condizione neuropsichiatrica che insorge nei bambini in età evolutiva, generalmente prima dei 7 anni. L’adhd consiste in un disturbo dello sviluppo neuropsichico del bambino o adolescente caratterizzato da iperattività, impulsività, inattenzione, difficoltà a concentrarsi, atteggiamenti oppositivi. L’approccio terapeutico convenzionale all’ADHD può essere di tipo farmacologico, psicoterapeutico, socio-ambientale.

La terapia farmacologica convenzionale

La terapia convenzionale utilizzata nella terapia dell’ADHD comprende:
farmaci neurolettici, come la tioridazina (Melleril) e la clorpromazina(Largactil). La tollerabilità è mediocre, soprattutto a causa della sedazione; sono inoltre riportati frequenti effetti paradossali, con aumento dell’agitazione dopo una iniziale riduzione della stessa.

antidepressivi triciclici con effetto stimolante, come la clomipramina (Anafranil) o sedativi come la amitriptilina (Laroxyl) e doxepina (Quitaxon). Anche se la loro efficacia è dimostrata, è comunque limitata dalla comparsa di frequenti effetti collaterali fastidiosi e da un’alterazione del ritmo cardiaco.

-psicostimolanti del gruppo delle anfetamine, cui è stato attribuito un ruolo importante nell’azione diretta sulla causa potenziale del disturbo, poiché aumentando la vigilanza, attenuano notevolmente gli effetti peggiorativi del deficit attentivo.

Un approccio non convenzionale per l’ADHD

OMEOPATIA
Sempre più spasso, genitori di bambini adhd si rivolgono al medico omeopata illustrando il quadro tipico del bambino adhd: iperattivitò, nervosismo, disattenzione ect. La scelta del rimedio omeopatico deve essere eseguita sempre sulla base dell’individualizzazione e non sulla base della generica descrizione dei sintomi, pertanto sarà cura del medico omeopata fare un attento screening non solo sul bambino ma sull’intero nucleo familiare con attenzione all’ambiente.

Rimedi
TUBERCOLINUM
Estrema inquietudine con spiccatissimo desiderio di viaggi e cambiamenti. Sono bambini molto irritabili, con particolare tendenza al linguaggio scurrile. Tipica è la tendenza alle infiammazioni ricorrenti a livello respiratorio, intestinale e urinario.

DATURA STRAMONIUM
Il bambino ha una tendenza alla violenza con aggressività verbale e fisica, agitazione con rapidi cambiamenti d’umore. Sono molto agitati, parlano molto e incoerentemente, tendono a scappare.

TARENTULA HISPANICA
Sul piano fisico il bambino è agitato ( l’agitazione è estrema e predomina), non riesce a stare tranquillo, è sempre in movimento, vuole saltare, correre, ballare; muove in continuazione le gambe, la testa Sul piano psichico presenta variabilità e violenza, alterna il riso al pianto, l’allegria alla tristezza, passa da un atteggiamento dolce alla collera improvvisa con minacce.

ACIDUM NITRICUM
E’ un bambino iperattivo,  testardo, vendicativo, tendente all’odio. E’ molto sensibile al rumore, al dolore, al tatto.

ARGENTUM NITRICUM
Dal punto di vista mentale l’elemento caratterizzante è l’ansia anticipatoria. Il bambino è timido, lento, incoerente, ha un linguaggio spesso infantile, è insicuro e ostinato, ma è soprattutto ansioso con vere e proprie fissazioni. Parla sempre delle stesse cose, ha paura dell’altezza, della folla e degli impegni sociali.

CALCAREA PHOSPHORICA
Questo bambino, di solito longilineo, è agitato, si eccita facilmente, è ipersensibile. Vi è una grande discontinuità di rendimento intellettuale con tendenza all’esaurimento. Sono bambini molto inquieti e veloci, spesso precoci nello sviluppo (anche sessuale).La loro disattenzione si manifesta verso al fine della mattinata, per una sorta di esaurimento mentale che migliora con uno spuntino o con un breve riposo. E’ incapace di svolgere un’attività continua sia intellettuale che manuale, il che determina ritardo nelle acquisizioni e lentezza nell’apprendimento .

NUX VOMICA
Questo bambino presenta agitazione confusionaria, caratterizzata da precipitazione e ipereccitabilità. E’ impaziente, intollerante, irritabile. Non sopporta che lo si contraddica, le contrarietà, la luce intensa e violenta, il minimo rumore.

INTEGRATORI

OLIO DI PESCE
Uno studio dell’Università di Adelaide in Australia ha scoperto che l’olio di pesce migliora più efficacemente i sintomi da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) senza nessun degli effetti secondari dati da farmaci come il Ritalin.
Quando l’olio di pesce è stato somministrato giornalmente a 130 bambini affetti da ADHD con un’età fra i 7 e i 12 anni, il comportamento è migliorato drammaticamente entro tre mesi.
Inoltre lo studio ha evidenziato che:

• Dopo sette mesi, i bambini non erano agitati mostrando un buon miglioramento scolastico.

• I miglioramenti nella concentrazione e nell’attenzione sono stati del 30%.

• Dopo 15 settimane, il 30-40 per cento dei bambini supplementari con l’olio di pesce hanno avuto miglioramenti.

• Dopo 30 settimane, il 40-50 per cento sono migliorati.
I miglioramenti sono continuati anche dopo la conclusione dello studio, il che suggerisce che l’olio di pesce possa avere effetti di lunga durata.

 

Case study
Caso n. 1
Bambino di 10 anni affetto da iperattività.
I suoi insegnanti sospettano un disordine da iperattività, ma la madre vuole provare la medicina complementare mostrandosi preoccupata anche per spasmi laringei, enuresi, mal di testa.
Segni iridologici
Entrambe le iridi mostrano diversi e profondi anelli nervosi, macchie tossiche marroni nelle aree gastro-intestinali, intossicazione del sistema linfatico, numerosi raggi solari che, dipartendosi dall’orlo pupillare, neurastenico si dirigono verso la regione della testa, compresa l’ipofisi e le aree dei surreni e della vescica.
Diagnosi
La diagnosi viene basata sull’anamnesi, l’ispezione e il rilievo dei segni dell’iride. Il paziente presenta intossicazione del sistema nervoso e del tratto gastro-intestinale.
L’ipofisi e i surreni richiedono un immediato sostegno. Il sistema nervoso necessita di un tonico erboristico per calmare e distendere l’intera costituzione nonché per migliorare il tono nervoso della vescica.Anche il sistema linfatico ha bisogno di un sostegno e di una depurazione.
Cure proposte
Riflessologia Plantare: trattamento riflessologico
Prescrizione erboristica:
Vitex 10 ml.
Hipericum 10 ml.
Equisetum 10 ml.
Medicago 10 ml.
Sambucus 10 ml.
Dosaggio: 15 gocce in poca acqua con i pasti.
Fiori di Bach: 2 gocce di ciascuno dei seguenti fiori di Bach: Vervain, Aspen, Minulus, Walnut, Chicory, Honeysuckle.
Ragionamento terapeutico
Vitex: aiuta a focalizzare l’attenzione e a sostenere le funzioni surrenalica e ipofisaria.
Hipericum e Walnut: riequilibrano l’eccessiva sensibilità del sistema nervoso e potenziano il tono nervoso della vescica.
Equisetuh: nutre il sistema nervoso indebolito, rinforza la vescica (contiene silicea, calcio, zinco) e depura la linfa.
Medicago: mantiene normale il ph dello stomaco, sostiene le fibre nervose, favorisce la digestione delle proteine.
Sambucus: calma i sistemi nervoso, linfatico e respiratorio.
2^ visita( 2 mesi dopo)
Il paziente si sente molto meglio. I suoi insegnanti hanno riscontrato un netto miglioramento del comportamento tenuto in classe e della capacità di concentrarsi sui compiti. L’esame dell’iride mostra una riduzione del numero di anelli nervosi e uno schiarimento del colore delle macchie tossiniche . I segni relativi alla sofferenza dell’ipofisi e dei surreni si vanno attenuando. Anche i segni nell’area della vescica mostrano un miglioramento.
Caso n.2
Bambino di 6 anni in stato di grave agitazione.
Gli è stata diagnosticato un quadro ADHD ed ha assunto il Ritalin con il quale è però addirittura peggiorato, la madre ha deciso pertanto di interrompere la terapia. Difficoltà attentive, insonnia accompagnata da episodi di sonnambilismo.
Il suo rendimento scolastico è scarso e si trova costantemente in difficoltà. Soffre di enuresi.
Segni iridologici
Ho cercato di osservare brevemente le iridi ed ho rilevato che entrambe mostravano una corona centrale di colore arancio, frammentata e piuttosto distorta. L’energia risultava erratica. In ambedue le iridi si rilevavano segni scuri in area ipofisaria. L’iride dx mostrava una grossa chiazza di colore arancio che, emergendo dalla pupilla, si dirigeva verso le aree dei testicoli, delle pelvi e dei surreni, indicando la presenza sistemica di sostanze tossiche. I bronchi mostravano dei punti linfatici bianchi e anelli nervosi.
Diagnosi
Il paziente necessita di un forte sostegno per il sistema nervoso. Esso mostra infatti una notevole intossicazione nell’area pelvica come nei surreni. Questi ultimi e l’ipofisi richiedono un riequilibrio energetico e un buon sostegno. E’ necessario anche un più forte rimedio energetico per la depurazione del sangue.
Prescrizione fitoterapia
Vitex 10 ml.
Equisetuh 10 ml.
Achillea 10 ml.
Semi d’avena 10 ml.
Cactus 10 ml.
Dosaggio: 2 gocce in poca acqua con i pasti.

Fiori di Bach: 2 gocce di ciascuno dei seguenti fiori di Bach: Impatiens, Agrimony, Star of Betlehem, Vervain, Chestnut Bud.
Ragionamento terapeutico
Vitex: per sostenere, riequilibrare, calmare le funzioni ipofisarie e surrenaliche.
Equisetuh e Semi d’avena: sono stati aggiunti per supportare il sistema nervoso e rimuovere le tossine.
Achillea: sostiene i surreni e costituisce un rimedio potente per la depurazione del sangue.
Cactus: è stato incluso per alleviare la tensione del sistema nervoso.
Fiori di Bach: per favorire una delicata espressione delle emozioni.
2^ visita
Il paziente mostra un netto progresso.
E’ molto più calmo e dorme meglio.

 

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone